Castello di Bolgheri

I conti della Gherardesca di Pisa sono stati una delle grandi famiglie nobili d’Italia sin dal Medio Evo. Già noti e temuti al tempo di Dante, che diede loro un posto prominente nell’Inferno, i loro vasti possedimenti lungo la costa toscana erano virtualmente un dominio in sé. L’area intorno, Castagneto Carducci e Bolgheri erano fra le tenute più importanti, e tre delle aziende più grandi ed eminenti nella denominazione Bolgheri e Bolgheri Sassicaia – San Guido, Ornellaia e Guado al Tasso – sono tutte derivanti da terre una volta appartenenti alla famiglia. Il Castello di Bolgheri, un castello vero, in ogni senso, come non sempre avviene in Italia, dove il termine si applica anche a ville, residenze signorili e altri edifici di una certa dimensione, fu costruito dai conti nel XIII secolo.
Read more

Donna Olimpia 1898

Spinto da determinazione e dalla volon¬tà di realizzare un importante progetto enologico in Italia, Guido Folonari, erede di una delle storiche famiglie italiane del vino, nei primi mesi del 2001 decide di ini¬ziare il suo nuovo viaggio imprenditoriale nel mondo del vino. L’indole bresciana e la visione che da sempre lo caratterizzano gli hanno permesso di scoprire e investire, in poco tempo, in territori unici e dalle grandi potenzialità. Già nel 2002 acquista Tenuta L’Illuminata, nelle Langhe, sulla splendida collina di La Morra. A seguire in Toscana, regione da lui molto amata e dove la fami¬glia produce vino dal Novecento, una stret¬ta di mano sancì il passaggio di proprietà dei 60 ettari di Donna Olimpia 1898, a Bol¬gheri.

Read more

Micheletti

I Micheletti coltivano vigneti e uliveti da tre generazioni, e il loro coinvolgimento in agricoltura risale a oltre mezzo secolo addietro, al 1960 per la precisione. Come succedeva in gran parte dell’attuale zona di produzione dei vini DOC, anche la frutta era una componente significativa dell’attività agricola, e la specialità erano le pesche locali, un prodotto poco noto e non molto apprezzato: in realtà, sono della qualità succulenta. Vino e olio di oliva, comunque, hanno l’attrattiva che i semplici frutti non posseggono, e fu solo questione di tempo prima che la famiglia decidesse di tentare la fortuna in ciò che oramai è diventato il mondo altamente competitivo dei vini stile Bordeaux, ottenuti da varietà di livello mondiale come Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Petit Verdot.
Read more