Collazzi

Non è da tutti avere, come principale edificio dell’azienda vinicola, una villa derivata da un progetto di Michelangelo Buonarroti, ma Bona e Carlo Marchi, entrambi impegnati nel vino da una vita, hanno goduto di questo speciale privilegio. La villa, Collazzi, è appollaiata in cima a una collina che domina su un altro monumento di primo piano dell’architettura toscana, la Certosa del Galluzzo, situata appena fuori la città di Firenze e arricchita dagli splendidi affreschi di Jacopo Carucci da Pontormo. L’edificio fu acquistato negli anni ‘30 dalla famiglia Marchi e restaurato con ogni amorevole cura per i dettagli e senza badare a spese; la bellezza del posto e della villa avrebbero scoraggiato qualunque tendenza meschina a risparmiare qualche soldo.
Read more