Sample Sidebar Module

This is a sample module published to the sidebar_top position, using the -sidebar module class suffix. There is also a sidebar_bottom position below the menu.

Sample Sidebar Module

This is a sample module published to the sidebar_bottom position, using the -sidebar module class suffix. There is also a sidebar_top position below the search.
Notizie

Search Our Site

+39 055 2286370
  • English (UK)
Mercoledì, 27 Febbraio 2019 16:27

ProWein 2019 - Università dalla Tuscia - Vino Governato Toscana Rosso Igt

ProWein 2019 - Università dalla Tuscia - Vino Governato Toscana Rosso Igt
   
|| || ||

Università della Tuscia è ora in partenza per il ProWein 2019, salone internazionale a Dusseldorf dal 18 al 20 marzo, grazie al progetto del Governato Toscana Rosso Igt, nato in collaborazione  con l’Azienda Vinicola Sensi, con sede a Lamporecchio a Pistoia.


E’ con il pluripremiato enologo Lorenzo Landi insieme a Fabio Mencarelli, docente di Enologia all'Università della Tuscia, nonché responsabile della cantina e del vigneto sperimentali, che questa ricerca sperimentale è nata.

Il Vino Governato Toscana Rosso Igt giunto alla seconda vendemmia quest'anno e raddoppia così tutti i suoi numeri, grazie alle uve e al vino Governato prodotto da Fattoria di Calappiano a Sant'Ansano (Firenze). Si parla di una raccolta più che abbondante, con un appassimento delle uve aumentato del 50%. La cosa interessante è che l'invecchiamento avverrà in vasi di terracotta.
    
Mentre per l’Università della Tuscia, con sede a Viterbo, non solo è andato l'onore della visita del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ma ha aperto l'anno accademico 2018-2019 con un ''buon vino della casa''.

Di fatto il Vino Governato Toscana Rosso Igt si presenta con un colore rosso rubino intenso, e sentori di frutta dolce, ciliegie e amarene. Al sorso rimane morbido e fresco, caratterizzato da maturazione e dolcezza naturale che sono le sue caratteristiche specifiche.

Il docente Fabio Mencarelli ha sottolineato:''Per ottenere l'eccellenza, ed essendo nella terra di Galileo, abbiamo adottato il metodo induttivo, scegliendo poi una struttura tradizionale (fruttaia). Controllo continuo di temperatura, umidità relativa e velocità del flusso d'aria, sperando sempre che il clima esterno ci aiutasse in questa bella avventura. Siccome ci piaceva azzardare, sempre con l'enologo Landi, abbiamo deciso di sperimentare l'affinamento in giara di terracotta per misurarne la permeabilità, comprenderne l'effetto sui composti fenolici e sugli aromi del vino, già così complesso perché Governato. Volevamo saperne di più visto che nella letteratura scientifica mancavano informazioni. Ormai siamo in gioco, ma è un gioco razionale, studiato, una partita di scacchi tra noi e le uve e poi il vino. Lo scacco matto speriamo sia nostro''.
logo